camarofotoUn Camaro sprecone scivola in casa dell’Atletico Catania, incassando la prima sconfitta stagionale. I messinesi sfiorano il vantaggio nel primo tempo ma vengono castigati da D’Emanuele dopo un’azione insistita dei padroni di casa. Il rigore fallito tre minuti dopo lo svantaggio e, soprattutto, l’incapacità di approfittare della doppia superiorità numerica sono le colpe più gravi attribuibili ai neroverdi.

Il Camaro resta fermo a quota 3 punti in classifica e, notizia di oggi, dovrà trovare un sostituto al dimissionario Alacqua. Infatti, a sorpresa il mister ha dato l’addio alla squadra dopo la deludente sconfitta di ieri.

Tutt’altro che remissivo in avvio, l’undici di Alacqua si fa vedere dalle parti del portiere ospite già al 5’: Brigandì tira debolmente da posizione defilata e il portiere Caruso può intervenire. Sul capovolgimento di fronte, D’Emanuele calcia da fuori mandando a lato di qualche metro. I padroni di casa tornano a farsi sotto al 10’ con la conclusione angolata di Sottile che Mannino accompagna in corner. Al 20’, sugli sviluppi di un angolo, il portiere ospite è ancora attento sulla conclusione ravvicinata di Bonnici. Il Camaro tiene botta e al 22’ Cappello sfonda a destra crossando al centro per Assenzio, il cui colpo di testa lambisce il palo. Dopo una fase di gioco spezzettata, gli ospiti vanno di nuovo vicini al gol al 33’, al termine di un’azione corale, quando Zappalà serve a destra Princi che calcia in diagonale trovando la risposta di Caruso. Il match si sblocca al 39’: su un cross da sinistra, Mannino riesce solo a sfiorare il pallone indirizzato a Bonnici, il cui tentativo è respinto dal portiere neroverde; nulla può però sulla successiva conclusione ravvicinata di D’Emanuele per il vantaggio dell’Atletico Catania. Passano tre minuti e il Camaro conquista il penalty del possibile pareggio. Su un’iniziativa di Mondello, il pallone calciato dal difensore si impenna e Zappalà anticipa il diretto avversario inducendolo al fallo da rigore. Dal dischetto va Mondello, complice l’infortunio del tiratore Ancione, che si fa ipnotizzare da Caruso, bravissimo a neutralizzare congelando il vantaggio dei suoi. In pieno recupero occasione per Brigandì, il quale non trova la porta dopo aver approfittato di un buco della difesa catanese.
In avvio di ripresa i padroni di casa restano in dieci uomini: al 2’, il duro intervento di Sottile su Assenzio viene sanzionato col rosso diretto dal direttore di gara. I neroverdi guadagnano campo e sull’asse Assenzio-Velardi, dieci minuti più tardi, creano un altro pericolo alla porta di Caruso, fortunato nell’occasione. Il clima si fa rovente quando le accese proteste locali per un fallo non ravvisato in precedenza portano al secondo giallo per Bonnici, che lascia i suoi in nove uomini. Anche con la doppia superiorità numerica il Camaro, nonostante un possesso palla corposo, fatica ad avvicinarsi alla porta avversaria. Alacqua inserisce Bonamonte e Paludetti per Assenzio e Princi ma la sua formazione stenta ad affacciarsi nell’area avversaria. Bisogna attendere il 26’ per vedere Brigandì prima, con due tentativi respinti e Mondello poi, perché i neroverdi producano qualcosa di rilevante. Come se non bastasse, a un quarto d’ora dal termine l’arbitro ravvisa una scorrettezza di Cappello su D’Emanuele ed estrae il rosso. In dieci contro nove la musica non cambia e i messinesi faticano a trovare i varchi giusti. Neppure il forcing finale produce frutti e le speranze del Camaro muoiono nell’ultimo dei sette minuti di recupero concessi dal signor Falco. Il Camaro incassa il ko e, oltre a dover riflettere sui propri errori e sul proprio (immediato) futuro tecnico, dovrà concentrarsi già da domani sul doppio confronto ravvicinato con il Sant’Agata, avversario mercoledì al “Marullo” nel ritorno degli ottavi di Coppa Italia (1-1 all’andata) e domenica in campionato al “Micale” di Capo d’Orlando.


Il tabellino
Eccellenza, Girone B - 4ª giornata
Campo sportivo "Zia Lisa" di Catania (CT), domenica 1 ottobre 2017
Atletico Catania - Camaro 1-0
Marcatori: 39' pt D'Emanuele.
Atletico Catania: Caruso, Giulio, Rinaldi, Bonnici, Russo, Castiglia, Licata (42' st Di Maggio), D'Emanuele (46' st Bellamacina), Corona (25' st Faraci), Sottile, Marziale (32' st Lupo). In panchina: Zumbo, Gagliano, Scalia. Allenatore: Antonio Richichi.
Camaro: Mannino, Cappello, Mondello, Zappalà (9' st Spoto), Pettinato, Munafò, Princi (24' st Paludetti), Assenzio (19' st Bonamonte), Brigandì, D. Ancione (47' pt Campo), Velardi. In panchina: Giorgianni, Gazzè, D'Amico. Allenatore: Antonio Alacqua.
Arbitro: Vincenzo Falco della sezione di Siracusa.
Assistenti: Emanuele Pulejo e Alessio Cannizzaro della sezione di Palermo.
Ammoniti: Licata (A), Giulio (A), Rinaldi (A), Russo (A), Princi (C), Sottile (A), Bonnici (A), Corona (A), Cappello (C), Munafò (C), Caruso (A).
Espulsi: 2' st Sottile (A), 13' st Bonnici (A) per doppia ammonizione, 28' st Cappello (C).
Recupero: 4' pt, 7' st.

Angelo Rocca

 

 

e-max.it: your social media marketing partner
   
© Il nuovo Forza Messina periodico libero di informazione sportiva www.ilforzamessina.it (c) 2006 - 2018 tutti i diritti riservati