SciottoNon c'è dubbio che l'arrivo di Fabrizio Ferrigno abbia messo in atto un moto d'entusiasmo dovuto probabilmente al fatto che lo stesso Ferrigno, nei giorni scorsi, aveva dichiarato di aver già individuato quali e quanti dovevano essere i giocatori che potevano rimanere (neanche sicuri titolari) per costruire un Messina vincente. Tutto questo presuppone che sono stati e saranno, invece, intensissimi i contatti del nuovo Ds con squadre di

categorie superiori per portare in giallorosso degli Under di sicuro affidamento che, pur non essendo un aggravio alle casse sociali, saranno utili a completare una rosa che verrà ricostruita con giocatori over forti ed esperti. Ovviamente, questo comporterà la rescissione di alcuni contratti già in atto, sopratutto tra gli under ma anche tra gli over.

Sciotto con l'ingaggio di questo direttore sportivo ha fatto probabilmente la mossa giusta, in primo luogo ridando un po' d'entusiasmo dopo due sconfitte consecutive (sembra infatti che saranno numerosi i tifosi che seguiranno la squadra nella trasferta di Cittanova), poi ingaggiando un professionista che, oltre ad avere grandi aspirazioni, può rivelarsi il più adatto sia sul campo che per lo stesso presidente se diventerà il vero uomo di fiducia capace di tradurre la sua passione ed il suo sforzo economico in vittorie.Ferrigno Sciotto

Difatti, nell'ultimo periodo il presidente Sciotto sembrava stesse diventando il comandante di una nave in balìa delle onde e le sconfitte avevano cominciato ad incrinare le ambizioni e la fiducia in sè stesso, tanto da ritrovarsi solo, abbandonato, quasi tradito da chi lo avrebbe dovuto, invece, appoggiare e supportare, sopratutto dopo che, in passato, gli stessi avevano appoggiato ed esaltato senza alcuna esitazione i predecessori a capo della vecchia Associazioni Calcio Riunite.

Paolo Crisafi

e-max.it: your social media marketing partner
   
© Il nuovo Forza Messina periodico libero di informazione sportiva www.ilforzamessina.it (c) 2006 - 2018 tutti i diritti riservati