Me Portici SquadraGiallorossi in versione un pò dimessa contro il Portici, tra acciaccati, recuperati dell'ultima ora e carichi di lavoro per il richiamo atletico durante la sosta, la prestazione di alcuni risulta appena sufficiente, altri sono, invece, da rivedere.

Meo: il portierino (foto in basso) rientra dopo qualche settimana d'assenza e ridiventa il portafortuna della squadra. Deciso in alcune situazioni confuse e decisivo sul calcio di rigore parato con i piedi come un...veterano.

Merita la palma di migliore insieme all'autore del gol vittoria. Voto 7

 

Bruno: nell'insolita, per lui, posizione da esterno protegge la difesa dalle incursioni del giocatore più pericoloso del Portici, Costantin Sandu. In attacco, tranne qualche eccezione in cui si fa lanciare da Rosafio al cross, rende meno. Torna centrale dopo l'uscita di Manetta, ma ha bisogno di essere affiancato da un compagno di almeno pari valore. Voto 6,5

Cozzolino: la fascia sinistra è più debole di quella opposta e lui paga dazio sbgliando qualche appoggio di troppo, sopratutto nella seconda parte. Voto 5,5

Bossa: un discreto rientro per il giovane messinese. Non ha l'esperienza e neppure la tecnica di Migliorini, è affiancato, sul lato destro, dall'adattato Lia e questo non lo aiuta. Riesce, comunque a dare il suo contributo. Voto 6 - Balsamà: entra nel finale per fare muro a centro campo. S.V.

Manetta: si disimpegna discretamente bene in fase difensiva. Effettua un salvataggio a due passi dalla porta, meno efficace del solito nella costruzione del gioco. Voto 6 - Bettini: sostituisce Manetta dopo il primo quarto della ripresa, s'inventa il filtrante che porta in gol Ragosta, ringhia sulle caviglie degli avversari, nel finale ha due occasioni per il raddoppio ma pecca di egoismo. In ogni caso riesce a dare una svolta alla gara. Voto 6,5Me Portici Yeboah

Cassaro: aiuta Meo in una convulsa azione nell'area piccola, ma crea le premesse per il vantaggio degli ospiti concedendo l'opportunità del calcio di rigore. A volte fa confusione e sbaglia qualche aggancio rischiando sul pressing avversario. Voto 5,5

Rosafio: entra in campo con qualche problema fisico e paga il mancato supporto di Lia che gioca in mezzo al campo. Cerca ugualmente il guizzo sulla fascia migliore del Messina, ma gli avversari lo sanno e cercano di limitarlo. Voto 6

Lia: per la seconda volta viene impiegato in mezzo al campo. Cerca di sfruttare il suo dribbling e gli avversari ci vanno dentro in maniera dura. Nel finale torna a fare l'esterno ed è un'altra storia. Voto 6

Yeboah: cincischia troppo sulla prima palla offertagli in area, cerca di fare a sportellate ma conclude poco verso la porta. Nella ripresa avremmo voluto vedere il suo spostamento sulla fascia sinistra in modo da non giocare spalle alla porta, ma il tecnico ha trovato la formula giusta con l'inserimento di Ragosta, Bettini e Mascari. Voto 5,5 - Mascari: entra e riesce a dare il solito contributo atletico e di grinta. Voto 6

Cocuzza: non ci siamo, lo avevamo lasciato prima della sosta sperando di ritrovare nuovamente il giocatore che avevamo conosciuto nel passato, nulla di tutto questo. Non riesce a dare un contributo valido sia in fase di appoggio che in quello realizzativo. Forse si rende conto lui stesso dello scarso rendimento ed esce nervosamente dal campo. Voto 4 - Ragosta: prende il posto del "biondo" e dopo appena cinque minuti sblocca la gara. Da qualche gara ha ripreso a fare bene, come dimostra la sua lunga carriera. Voto 7

Lavrendi: in alcuni momenti è addirittura funambolico, recupera e copre sfiancandosi per tutta la gara, però quando ha l'occasione giusta la spreca e sopratutto manca nell'ultimo passaggio alle punte. Voto 6 

Me Portici MeoAll.Modica: la formazione che manda in campo all'inizio è da interpretare. Condizionato dagli infortuni oltre che dalla regola sugli Under? Riesce a rimettere tutto a posto quasi sul filo di lana inserendo gli uomini giusti. Fa quasi "mea culpa" dando i meriti all'avversario. Voto 5,5

Ph Paolo Furrer

e-max.it: your social media marketing partner
   
© Il nuovo Forza Messina periodico libero di informazione sportiva www.ilforzamessina.it (c) 2006 - 2018 tutti i diritti riservati