Me San MessinaAnche se il Messina ha dalla sua, sicuramente, una percentuale altissima nel possesso palla, bisogna sottolineare quanto diceva un ex dirigente peloritano: "a questo gioco per vincere bisogna segnare, lo avranno spiegato ai giocatori?"

Il Messina perde la gara casalinga contro una Sancataldese che, pur avendo fatto sin qui bene in trasferta, non è sembrata per nulla trascendentale, anzi, sopratutto nel primo tempo, gli uomini di Mister Marcianò sono stati fin troppo remissivi ed

in balìa dei giallorossi, facendo preoccupare i tifosi giallorossi solo quando erano Manetta e compagni, proiettati alla ricerca del pareggio, a lasciare troppi spazi ai giocatori verdeamaranto.

Un'altra situazione che Mister Modica dovrà attenzionare riguarda la facilità con cui il Messina prende gol su calcio da fermo, troppe volte quest'anno abbiamo visto i portieri del Messina raccogliere la palla in fondo al sacco dopo un angolo od una punizione.

Quindi, voti bassi questa settimana, per tecnico e giocatori, a cui, stavolta, aggiungeremp il Direttore Sportivo:

Rinaldi: amaro esordio quello del classe '98. Certo, ha dalla sua l'emozione della "prima volta" ma perde nettamente il confronto con il portiere avversario, di pari età, non offrendo sicurezza ai propri compagni di difesa. Voto 5

Lia: non sembra il giocatore delle ultime settimane, parte bene ma si spegne col passare del tempo anche per merito delle attenzioni che gli dedica il tecnico della Sancataldese. Sulla seconda rete si perde Carrozzo. Voto 5,5

Polito: la fascia sinistra peloritana non è certo all'altezza di quella destra ma il giovane '99 non fa nulla per migliorarla tanto da meritare la sostituzione. Voto 5Me San GolZappal

Cozzolino: sostituisce Polito al 15' della ripresa, potrebbe far di più, non punta l'avversario, non mette alcun pallone in area. Fa solo il compitino. Voto 5,5

Migliorini: ad inizio gara commette troppi errori, ad inizio ripresa perde palla vicino l'area giallorossa, forse per un fallo dell'avversario, ma questo episodio crea le premesse per il raddoppio della Sancataldese. Pur dando ordine alla manovra, il play del Messina non trova mai il filtrante giusto per le punte. Voto 5

Pezzella: entra solo per i minuti di recupero. S.V.

Manetta: unico Over in difesa, non perde mai la testa, cerca spesso di dar vita alla manovra giallorossa ma non è giornata. Voto 6

Bucca: fa il titolare per necessità, troppo lento e talvolta impacciato. Si fa sovrastare da Zappalà nell'azione del primo gol. Voto 5

Rosafio: gioca a sprazzi, non è certamente la sua miglior giornata. Non cerca la porta quando dovrebbe e qualche suo suggerimento in area si perde per l'inconsistenza degli avanti messinesi. voto 5,5

Maiorano: ha dalla sua l'esperienza per poter fare di più, gli manca la stoccata del centrocampista. Ordinato, vigile, ma da lui ci si aspetta di più, come nel caso dell'assist-gol per Dezai. Nel finale sembra stremato. Voto 5,5

Bossa: troppo poco per giudicare. S.V.

Lavrendi: perde una palla creando le premesse per un velenoso contropiede avversario. Troppo molle in qualche appoggio, poco presente in zona gol. Sostituito per una punta al 10' della ripresa. Voto 5

Mascari: prende il posto di Lavrendi, ci mette la solita grinta ma commette un gravissimo errore quando manca il gol a due passi dalla linea di porta. Voto 5,5

Cocuzza: sembra partire bene, si spegne subito ed è evanescente in fase realizzativa. Sulla sua fascia non nascono mai problemi per gli avversari. Voto 5

Ragosta: si accentra molto, fa movimento ma non è quello il suo ruolo, sembra il più pericoloso...appunto, sembra. Voto 5

Dezai: entra, crea le premesse per una rete e, poi, segna il gol della speranza. Fa quello che gli si chiedeva. Voto 6

All.Modica: forse l'eccessivo turn-over poteva essere evitato. Da quando siede in panchina, la squadra è migliorata, deve, però, trovare ancora la chiave per evitare di prendere gol su palla ferma. Non ponga dubbi sulla mancanza di una vera punta. Voto 5,5

Dir.Sp. Lamazza: con il Messina non si può scherzare. Nell'organico ci sono delle lacune e bisognava pensare di porvi rimedio ancor prima dell'apertura del mercato. Nel momento in cui si è aperto il mercato invernale, piuttosto che preoccuparsi di far firmare il terzo portiere Under, avrebbe dovuto preoccuparsi della repentina partenza dello "squalificato" Colombini (con Bruno ancora infortunato) e dell'assoluta mancanza di una punta centrale Over. Voto 5

Paolo Crisafi

Ph Paolo Furrer

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner
   
© Il nuovo Forza Messina periodico libero di informazione sportiva www.ilforzamessina.it Registrazione presso il Tribunale di Messina n°16/96 (c) 2006 - 2015 tutti i diritti riservati