Vibonese Me SquadraVibo V. Finisce, con la salvezza sul campo, il campionato del Messina. Allo stadio "Razza", i 450 sostenitori giallorossi che hanno seguito la squadra in terra calabra non hanno praticamente mai sofferto vedendo una squadra, la Vibonese, che rinunzia anche a Saraniti in attacco e si dimostra ben poca cosa davanti alla quadrata squadra biancoscudata. Mister Lucarelli si affida agli elementi che, in questo ultimo periodo, si sono dimostrati affidabili, quindi, davanti a Berardi si schiera la difesa con Grifoni, Maccarrone, Rea e De Vito, mentre a centrocampo oltre ai soliti Musacci, Saseverino, Da Silva, prende posto ancora una volta Capua, attacco affidato al dinamico Milinkovic che affianca il solido Anastasi. La Vibonese dell'ex Silvestri, come già detto, tiene fuori Saraniti (che entrerà nella ripresa) e si presenta in avanti con un attacco leggero con Sowe, Viola, Bubas e Favasuli. Durante la gara, però, ai calabresei resta tanto possesso palla e poca sostanza in termini di pericolosità sotto rete. Anzi, a dirla tutta, l'unico pericolo Berardi lo corre nella ripresa, dopo un errato colpo di testa di un compagno che, invece di liberare l'area, serve Bubas che dal vertice sinistro dell'area piccola tira a botta sicura ma riesce solo a scheggiare la traversa. Le occasioni per andare a rete sono veramente poche, i portieri, infatti, non riescono a mettersi in evidenza se non per qualche uscita aerea del portiere giallorosso. Il Messina nei primi minuti sfiora il vantaggio con quello che poteva essere un autogol di Bubas, cui la palla batte sulla gamba prima di finire sull'esterno della rete, era il 6' del primo tempo. Al 7' della ripresa è Da Silva che si lancia sulla destra e, arrivato sul vertice dell'area, lascia partire un fendente che sorvola la traversa. All'11' l'occasione d'oro per Bubas con la traversa che salva il Messina, come Vibonese Me Dasilvadescritto in precedenza, con Berardi che può solo accennare l'uscita. Al 42' l'espulsione di Moi della Vibonese per una sogitata in area ai danni di Rea. Nonostante i cambi non succede nulla neanche nella ripresa ed i giocatori del Messina possono andare a festeggiare sotto la gradinata occupata dai propri tifosi, la Vibonese dovrà affrontare i play out.

Vibonese-Messina 0-0

Vibonese (3-5-2): Russo; Manzo, Moi, Silvestri; Franchino, Favasuli (16’ st Scapellato), Giuffrida, Viola, Minarini; A. Sowe (43′ st Sicignano), Bubas (30′ st Saraniti). A disp. Mengoni, Barberi, Torelli, Tindo, Lettieri, Piroska, M. Sowe, Cogliati, Usai. All. Salvatore Campilongo.

Messina (3-5-2): Berardi; Maccarrone, Rea, De Vito; Grifoni, Da Silva, Musacci, Capua (35′ st Mancini), Sanseverino (26’ st Bruno); Milinkovic (42′ st Madonia), Anastasi. A disp. Russo, Bencivenga, Plasmati, Ansalone, Ferri, Marseglia, Ventola, Bossa, Akrapovic. All. Cristiano Lucarelli.

Arbitro: R.Annaloro Mantelli di Collegno (To).

Assistenti:  G. Perrotti di Campobasso e S. Burgi di Matera.

Corner:4-3.

Recupero:2' e 5'.

Espulsioni: 42' st Moi (V)  per doppia ammonizione.

Ammoniti: 3’ st Minarini (V), 8’ st De Vito (M), 23’ st Moi (V)

e-max.it: your social media marketing partner
   
© Il nuovo Forza Messina periodico libero di informazione sportiva www.ilforzamessina.it Registrazione presso il Tribunale di Messina n°16/96 (c) 2006 - 2015 tutti i diritti riservati