IMG 2082Vince e convince il Città di Messina che nel pomeriggio sbanca lo stadio dell'Etna, superando 2-0 lo Sporting Adrano. I giallorossi hanno mostrato la loro superiorità fin dalle prime battute, archiviando la gara nel corso della ripresa con due calci di rigore trasformati rispettivamente da Rasà - terzo gol per lui dagli undici metri - e da Cardia. Le ghiotte occasioni non sfruttate da Quintoni e dallo stesso Rasà avrebbero potuto chiudere il match prima, ma si tratta di nei trascurabili nel giudizio complessivo della gara.

 Furnari è costretto a rinunciare agli infortunati Billè, Manuel Maisano e Davide Leo, e nel solito 3-5-2 concede una chance dal primo minuto al classe 98' Alessandro, in campo al posto del veterano Cardia, partito dalla panchina. Davanti alla porta difesa dal confermato Paterniti, agiscono il capitano Bombara, Salvatore Leo e Fabrizio Filistad. Nel quintetto di centrocampo, sugli esterni spazio a Fragapane e Di Stefano, mentre al centro, oltre al giovane Alessandro, Calcagno e Quintoni. In avanti, la coppia formata da Genovese e Rasà.

Ritmi bassi nel primo quarto d'ora di gara, con il Città di Messina che assume fin da subito il controllo del match, cercando varchi nella nutrita difesa avversaria. Al 17' è però lo Sporting Adrano a farsi vivo, con un'azione in solitaria di Petrullo che prova il tiro dalla distanza non riuscendo a centrare la porta. Al 20' rispondono i peloritani, con un cross su punizione di Calcagno che per poco Fragapane non riesce a correggere in rete. Cinque minuti dopo, nuova replica dei padroni di casa con una botta di Giuffrida respinta con il corpo dall'attento Bombara. Alla mezz’ora è ancora Giuffrida a insidiare la retroguardia giallorossa, Paterniti però blocca tutto con un intervento in uscita. Una manciata di minuti più tardi, il Città di Messina mette i brividi all'avversario su palla inattiva: il cross di Quintoni è invitante, ma Salvatore Leo prima e Bombara poi mancano di un soffio il pallone. E’ l’azione che cala il sipario sui primi 45’. Il secondo tempo vede subito un Città di Messina diverso, che prova ad aumentare i ritmi per mettere alle corde i padroni di casa. Alla prima scorribanda offensiva, i giallorossi vengono premiati: Fragapane sfonda dalla sinistra e viene atterrato in area da D'Arrigo. Dal dischetto, l'esperto Rasà realizza, trasformando il suo terzo penalty stagionale. I giallorossi legittimano il vantaggio controllando il possesso palla e appena tre minuti dopo vanno vicinissimi al raddoppio, con un diagonale di Quintoni che sfiora il palo. Al 60' ci prova Genovese, ma trova il muro della difesa avversaria. Un minuto più tardi Rasà calcia a botta sicura dopo un traversone dalla sinistra, Tabascio, però, sventa la minaccia sulla linea di porta, anche grazie all'aiuto del palo. Furnari intanto inserisce forze fresche: Genovese per Ginagò è la prima mossa, poi ci sarà spazio anche per Cardia, Silvestri e Codagnone, rispettivamente al posto di Quintoni, Alessandro e Rasà. Il CdM riesce a congelare la partita, non disdegnando alcune interessanti sortite offensive. Una di queste, al 79’, chiude virtualmente i giochi: su un corpo a corpo in area tra Silvestri e Di Perna, l'arbitro sembra non voler intervenire; non è di questo avviso l'assistente di linea, che sbandiera il fallo e invita il collega a decretare il calcio di rigore. Questa volta dagli undici metri si presenta Cardia, siglando il definitivo 2-0. La gara non ha più storia e l’arbitro, dopo 6 minuti di recupero, manda tutti negli spogliatoi.

Il seconda vittoria esterna consecutiva per il Città di Messina – ancora una volta senza concedere gol – dà continuità ai tre punti raccolti una settimana fa contro il Giarre. Ora i peloritani balzano al secondo posto della classifica. Nel prossimo turno, gli uomini di Furnari affronteranno al Garden Sport il Paternò.

Il tabellino

Sporting Adrano - Città di Messina 0-2

Marcatori: 50' rig. Rasà, 79' rig. Cardia

Sporting Adrano: Tabascio, Catania, Mascali, Napoli, D'Arrigo, Amore, Gallo, Tuccio (65' Di Perna), Rubino (71 Spitaleri), Giuffrida (51' Garrasi),  D. Petrullo. In panchina: Garofalo, Terranova, Santangelo, Finocchiaro. Allenatore: Nicola Basile

Città di Messina: Paterniti, Di Stefano, Fragapane, S. Leo, Filistad, Bombara, Alessandro (67' Silvestri), Calcagno, Rasà (82' Codagnone), Genovese (72' Ginagò), Quintoni (74' Cardia). In panchina: A. Maisano, Porcino, Costa. Allenatore: Giuseppe Furnari

Arbitro: Francesco Galioto di Siracusa. Assistenti: Filippo Luca Scannella e Alessandro Gennuso, entrambi di Caltanissetta. 

Ammoniti: Amore, Mascali, Gallo (S), Fragapane, Bombara (CdM) Recupero: 2'pt, 6'st

 

Angelo Rocca

e-max.it: your social media marketing partner
   

Le ultime sul muro  

  • Nessun messaggio da mostrare.
   

Accesso Utenti  

   

Classifica ACR Messina offerta da www.Livescore.it

   

Sportube.tv

 

Pallonate ad effetto

MESSINA...SOLO GUERRA IN FAMIGLIA

MESSINA...SOLO GUERRA IN FAMIGLIA

Riportiamo quanto accaduto in questi ultimi giorni, ricordando che un consiglio noi lo avevamo dato, giusto o sbagliato, chiedevamo, al dimissionario presidente Sciotto,

FURTI E DISTRUZIONE AL SANFILIPPO

FURTI E DISTRUZIONE AL SANFILIPPO

E' incredibile quanto avvenuto allo stadio "comunale" Sanfilippo negli ultimi mesi.

  • MESSINA...SOLO GUERRA IN FAMIGLIA

    Giovedì, 12 Ottobre 2017 17:23
  • FURTI E DISTRUZIONE AL SANFILIPPO

    Martedì, 05 Settembre 2017 23:58

L'angolo del tifoso

TIFOSI + SCIOTTO = MESSINA 2.0

TIFOSI + SCIOTTO = MESSINA 2.0

 Pace fatta tra Sciotto e i tifosi...almeno per il momento. Dopo un inizio burrascoso che faceva intuire il peggio, il buon senso e l'amore per il Messina trionfano. Questo sembra trapelare dall'incontro di qualche giorno fa tra il numero uno giallorosso e un nutritissimo gruppo di sostenitori della biancoscudata. Presente all'incontro anche il neo-allenatore Modica, sconfitto a Roccella al suo esordio sulla panchina del Messina. 

DI IMPROVVISAZIONE SI MUORE

DI IMPROVVISAZIONE SI MUORE

 Gli ultimi 10 anni di "pallone" sono stati i peggiori della storia calcistica peloritana. Traghettatori, imprenditori del malaffare, fallimenti pilotati, partite truccate, denunce, inchieste e tanto altro ancora. Il tutto condito da disastri sportivi, batoste in casa, batoste in paesini dimenticati da Cristo che per un effimero momento assaggiano la notorietà proprio contro il Messina.

LA VERGOGNA CHE SI RIPETE

LA VERGOGNA CHE SI RIPETE

 L'idea era stata di Lo Monaco: realizzare un locale Radio/TV ufficiale tramite il quale la società e i suoi tesserati avrebbero potuto restare in contatto h24 con i tifosi al seguito della Biancoscudata. Il San Filippo, con le sue innumerevoli e spoglie stanze, ben si presta a questo tipo di iniziative. Lo schianto contro il muro della D della gestione Lo Monaco impedisce la partenza di questo progetto,

DIAMO VOCE ALLA CURVA SUD

DIAMO VOCE ALLA CURVA SUD

COMUNICATO STAMPAA distanza di poco meno di due mesi, con le ferite ancora aperte per l'ennesima mortificazione che la nostra storia...

  • TIFOSI + SCIOTTO = MESSINA 2.0

    TIFOSI + SCIOTTO = MESSINA 2.0

    Venerdì, 20 Ottobre 2017 14:57
  • DI IMPROVVISAZIONE SI MUORE

    DI IMPROVVISAZIONE SI MUORE

    Venerdì, 29 Settembre 2017 12:56
  • LA VERGOGNA CHE SI RIPETE

    LA VERGOGNA CHE SI RIPETE

    Venerdì, 08 Settembre 2017 15:48
  • DIAMO VOCE ALLA CURVA SUD

    DIAMO VOCE ALLA CURVA SUD

    Venerdì, 01 Settembre 2017 19:42
© Il nuovo Forza Messina periodico libero di informazione sportiva www.ilforzamessina.it Registrazione presso il Tribunale di Messina n°16/96 (c) 2006 - 2015 tutti i diritti riservati